Diego Collovini

giovedì 20 Maggio 2021

Dove la storia non arriva, forse può l’arte

La pittura e la scultura sono state testimoni della Resistenza, raccontando partigiani e staffette, stragi e azioni eroiche. E così le opere di Picasso e Moore, Chagall e Guttuso, Zigaina e Manzù, Levi e Mazzacurati e di tanti altri grandi interpreti del loro tempo, grazie alla capacità di emozionare chi le guarda, saranno il nuovo, potente motore di memoria democratica

venerdì 26 Ottobre 2018

Gonars: una finestra sul lager

A Udine (Palazzo Morpurgo) “1942-43: la Storia che ci ri-guarda”, una mostra sul campo di concentramento, a cura di Monica Emmanuelli, Paola Bristot e Marco Pasian, realizzata dall’Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione e dall’associazione VivaComix, con il Comune di Udine, Udine Musei, il Muzej Novejše Zgodovine Slovenije, il Centro medico Coram e con il contributo della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia

mercoledì 18 Luglio 2018

De Marco, il fotografo dei partigiani

Il messaggio della mostra dal titolo “I tuoi occhi per vedermi”, e raccolta in un catalogo introdotto di Arturo Carlo Quintavalle. Ritratti di combattenti per la libertà italiani e di altri rincorsi in tutta Europa prima che il tempo lasci solo i nomi

Periodico dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia

Numero 93 Anno

Leggi il numero 93

Tutti i numeri

Patria Indipendente, il periodico antifascista con aggiornamenti quotidiani.

giovedì 17 Giugno 2021

La Ue, gli Usa e la Nato dirottata in Cina

Premessa, quantomeno temporale, dell’incontro Biden-Putin è stato nel G7 il rilancio del Patto atlantico, ridisegnato dal Presidente americano nello scenario e nell’ambito di intervento. Nel futuro commercio globale, armato, Europa e Italia seppelliranno ogni progetto di indipendenza all’altare degli interessi economici d’oltreoceano?

martedì 1 Giugno 2021

Il caso Uggetti e il “chi me lo fa fare?”

Un grido di allarme e un invito a riflettere, perché se la politica è solo raccattavoti e l’informazione rinuncia al proprio ruolo, a suon di titoli sparati in prima pagina e sui social, a farne le spese sono i cittadini perbene (sempre più delusi)

Resta informato