Patria Indipendente

Quindicinale dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia

Segui l’hashtag #patriaindipendente e partecipa su

In punta di penna

Sobria, misurata e castigata

  Lo confesso: ciò che mi ha colpito di questa campagna referendaria è l’equilibrio, direi il pudore, dei più autorevoli promotori del Sì. Il malizioso avrebbe potuto paventare, da parte […]

Servizi

Cos’è e cosa non è ANPI

Considerazioni al termine di una caotica stagione referendaria. L’ANPI non è l’assalto a se stessa. Non è un’occasione partitica. Non cade nelle trappole della velocità e del deserto. E’ il cuore diffuso e unitario della sua storia. L’ANPI, eccola

Servizi

Senato e Autonomie: una ferita comune

Nel gigantesco pasticcio costituzionale causato dalla riforma si sfaldano contrappesi e controlli, si diminuisce la sovranità popolare, si fa fare una brutta fine al regionalismo, con un accentramento dei poteri dello Stato ed un paradossale aumento dei privilegi delle Regioni speciali

Servizi

Se vince il Sì, nessun beneficio per l’economia

Effetti di lungo periodo: accettata di fatto la continuazione delle politiche che hanno portato a risultati negativi: “job’s act”, compressione degli interventi nella sfera sociale, politiche di privatizzazione, incertezza nell’affrontare la crisi bancaria, politiche tributarie molto dubbie, depotenziamento della lotta all’evasione fiscale

Il vice presidente nazionale dell'ANPI Luciano Guerzoni, nello studio di Radio Articolo1 con il direttore Altero Frigerio

Servizi

Qui Radio Articolo1, ecco la “staffetta” dell’ANPI per il No

24 e 25 novembre: online e da Radio Articolo1 la “staffetta” con le idee e le ragioni del No, promossa dall’ANPI nazionale e dal nostro giornale. Un’esperienza entusiasmante, con la partecipazione di decine e decine di personalità della cultura e dello spettacolo e con tanti collegamenti con le sedi locali dell’associazione dei partigiani

dsc_0361-small

Servizi

Metti un pomeriggio al Brancaccio…

Una calda cronaca della giornata di chiusura della campagna referendaria per il No promossa dall’ANPI. L’emozione, i momenti magici, i volti di una comunità di passioni e di intelligenze. I suoni e i canti di un appuntamento da non dimenticare

Terza Pagina

Ultime da Patria

  • venerdì 2 dicembre 2016 INCERTO? DECIDI LA COSA GIUSTA!

    L’appello del Presidente nazionale dell’ANPI all’elettore “indeciso”, a partire dal contenuto della riforma. Perché sono false e strumentali le grida di allarme per il “salto nel buio”

  • venerdì 2 dicembre 2016 12 dicembre 1969, la strage senza mandanti

    Parla Paolo Silva, Associazione Familiari Vittime di Piazza Fontana: si provò a sovvertire lo Stato democratico, la Repubblica democratica. E ancora oggi da parte di alcune frange politiche esiste la volontà di tenere nascosta la verità. Una sequenza infinita di depistaggi, coperture, omertà. E i giovani purtroppo non sanno nulla

  • venerdì 2 dicembre 2016 L’ora di storia: istruzioni per l’uso

    Come si motivano gli studenti alla storia? È possibile uscire dalla trappola lezione-studio-interrogazione e far scoprire l’aspetto di ricerca? Come si conosce la Resistenza? Risponde il professor Perissinotto

  • venerdì 2 dicembre 2016 La dolorosa scomparsa di uno storico di razza

    Claudio Pavone e le polemiche suscitate dal volume “Una guerra civile”. La discussa tesi della Resistenza come guerra patriottica, guerra civile, guerra di classe

  • venerdì 2 dicembre 2016 Pavone, partigiano, docente e studioso: la sua voce

    “Per noi della Resistenza il passo tra storia e vita fu breve”, “si commemorano stancamente gli anniversari”, “la Repubblica è nata dalla lotta di Liberazione ed è stato un grande fatto storico”, “purtroppo l’Italia, fin dal Risorgimento, non è mai riuscita ad avere nel suo corpo sociale una maggioranza compatta di carattere democratico”

  • venerdì 18 novembre 2016 Il tallone di ferro sulla Turchia

    Deputati dell’opposizione, scrittori, giornalisti e intellettuali in carcere. Ankara è sempre più lontana dall’Europa ma l’Ue è ostaggio dell’accordo sui profughi. E l’Italia continua a vendere armi a Erdoğan