Patria Indipendente

Quindicinale dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia

Segui l’hashtag #patriaindipendente e partecipa su

Cittadinanza attiva

Le rose della memoria

L’iniziativa dell’Anpi per celebrare la Festa della Repubblica: i dirigenti provinciali e nazionali della Associazione, assieme ai rappresentanti delle istituzioni locali, deporranno una rosa sulla tomba delle 21 Madri Costituenti

Cittadinanza attiva

Staffette solidali

A due mesi e mezzo dall’inizio del lockdown continua l’impegno delle Anpi. Dalla spesa per i più bisognosi all’acquisto di materiale sanitario con Genova San Fruttuoso e Oregina, Parabiago, Ravenna-Fusignano

Terza Pagina

Ultime da Patria

  • mercoledì 27 Maggio 2020 Mai più via Nicola Pende a Bari

    Il consiglio comunale del capoluogo pugliese cancella dalla toponomastica cittadina un nome legato al “Manifesto della razza”, che anticipò di pochi mesi le leggi razziali del 1938

  • mercoledì 20 Maggio 2020 L’offesa alla Cultura in Sicilia

    Samonà, un assessore regionale leghista, già filofascista e massone. La protesta dell’Anpi e degli antifascisti

  • sabato 16 Maggio 2020 Il monsignore Medaglia d’Argento

    L’irlandese Hugh O’Flaherty in Vaticano. Oltre 6.000 persone salvate dall’arresto o dalla morte. La persecuzione da parte dei nazisti. Il “consiglio dei tre”. Scarlatto e nero, un film tv sulle sue gesta

  • giovedì 7 Maggio 2020 7 maggio 1945: fine della guerra in Europa

    Con la resa incondizionata del Reich terminava il più grande massacro mai avvenuto nella storia del Vecchio continente. Ad agosto, dopo le atomiche, capitolava anche il Giappone

  • martedì 5 Maggio 2020 Quanta strada ha fatto Bartali

    Nel ventesimo anniversario della scomparsa per ricordare il campione del ciclismo, Giusto tra le nazioni, interrogato a Villa Triste dalla banda Carità. La fotostoria di Wladimiro Settimelli

  • martedì 5 Maggio 2020 Il giuramento di Mauthausen

    75° anniversario della liberazione del lager nazista. Migliaia di deportati politici, anche italiani, vi lavorarono e vi morirono. L’appello dei sopravvissuti per un mondo senza più nazisti e fascismi