In Primo Piano

lunedì 17 Maggio 2021

Il Paese dove la storia è armata. Di nazionalismo

In Polonia gli studiosi del 900 possono finire in tribunale, punibili fino a tre anni di carcere, vittime del “nazionalismo metodologico”, esplicitamente contrapposto alla “storiografia occidentale”. In nome della “verità nazionale”, ha come cavallo di battaglia l’equiparazione tra nazismo e comunismo e per obiettivo la rimozione dell’antifascismo dal progetto europeo

lunedì 17 Maggio 2021

Le scuole dei “piccoli maestri”

La straordinaria esperienza dei Convitti della Rinascita, rete sognata in montagna, sperimentata all’Ossola e nata nel dopoguerra. I docenti erano partigiani, impegnati per una didattica popolare e democratica. Ma la spia di quanto fosse inviso quel progetto alle forze conservatrici dell’Italia repubblicana si accese presto

mercoledì 12 Maggio 2021

Anpi, avanti tutta

Approvati all’unanimità dal Comitato nazionale dei partigiani documento e regolamento per i lavori del 17° Congresso, ai nastri di partenza la fase pre-congressuale con oltre 100 assemblee in streaming. Cambio alla guida del Coordinamento donne. Le iniziative promosse per la Festa della Repubblica e il 77° di un’associazione che continua a crescere

Periodico dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia

Numero 93 Anno

Leggi il numero 93

Tutti i numeri

Patria Indipendente, il periodico antifascista con aggiornamenti quotidiani.

giovedì 17 Giugno 2021

La Ue, gli Usa e la Nato dirottata in Cina

Premessa, quantomeno temporale, dell’incontro Biden-Putin è stato nel G7 il rilancio del Patto atlantico, ridisegnato dal Presidente americano nello scenario e nell’ambito di intervento. Nel futuro commercio globale, armato, Europa e Italia seppelliranno ogni progetto di indipendenza all’altare degli interessi economici d’oltreoceano?

martedì 1 Giugno 2021

Il caso Uggetti e il “chi me lo fa fare?”

Un grido di allarme e un invito a riflettere, perché se la politica è solo raccattavoti e l’informazione rinuncia al proprio ruolo, a suon di titoli sparati in prima pagina e sui social, a farne le spese sono i cittadini perbene (sempre più delusi)

Resta informato