Quindicinale

N°89

mercoledì 3 Marzo 2021

Anatomia di una mozione

Toni intimidatori verso l’Anpi nella deliberazione n. 29 del Consiglio regionale veneto, accuse di negazionismo delle foibe e dell’esodo giuliano dalmata anche ad “alcune amministrazioni locali e partiti presenti in Parlamento”. Un attacco a testa bassa alla libertà della ricerca storica (forse perché in materia la destra è un po’ scarsina e ha pure fallito nel suo intento celebrativo)

lunedì 1 Marzo 2021

Da Matera a Potenza, la marcia che non si ferma

In Basilicata numerose le adesioni di giovani all’Anpi nella due giorni del tesseramento. Nuova tappa di un cammino scandito nella Città dei sassi anche dall’iniziativa dello scorso 20 febbraio con Cgil, Cisl e Uil e tantissime altre associazioni del territorio. Nel segno dell’appello promosso dall’associazione dei partigiani “Uniamoci per salvare l’Italia”

giovedì 4 Febbraio 2021

“Confine orientale”, primum non omettere

Il convegno “1941. L’aggressione – L’Italia fascista in Jugoslavia”, promosso dall’Anpi nell’80°, è stata occasione di un’ulteriore riflessione a un mese dal Giorno del ricordo. Storici italiani, sloveni e croati insieme per colmare una memoria parziale e lacunosa su una dolorosa vicenda transnazionale

sabato 16 Gennaio 2021

Volontari della democrazia

“Uniamoci per salvare l’Italia”, l’appello sottoscritto da 29 tra associazioni, movimenti, partiti, sindacati nazionali, aperto a singole personalità del mondo della cultura, dell’arte, della scienza, della società civile, è rivolto a tutti (e a tutte). Per un’alleanza, una rete, forse – meglio – una ragnatela che vorremmo si diffondesse ovunque e diventasse una sorta di grande bandiera popolare

Periodico dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia

Numero 89 Anno VI

del 22 Febbraio 2021

Tutti i numeri

Patria Indipendente, il periodico antifascista con aggiornamenti quotidiani.

domenica 18 Aprile 2021

Giorgia Meloni e i suoi pupilli

Il volto doppio di Fratelli d’Italia. Siede da solo sui banchi dell’opposizione al governo Draghi, cresce nei sondaggi, è in competizione con Salvini nella cattura del consenso nero, sempre più giovane, organizzato, animato nelle scuole e nelle palestre. “La presidente del partito conosce bene il mondo dell’estrema destra e sa pigiare sui tasti giusti per attirare elettori da gruppi che si richiamano al fascismo”. Intervista a Paolo Berizzi

Resta informato